Riciclare la carta sembra una abitudine ormai consolidata, ma spesso le persone nutrono dei dubbi su come smaltire correttamente questo materiale nella raccolta differenziata. Riciclare la carta nel modo giusto è molto importante per ridurre l’abbattimento degli alberi; inoltre separare la carta dagli altri rifiuti riduce notevolmente i costi non solo ambientali, ma anche economici.

In questo articolo potrai trovare alcuni consigli su come differenziare correttamente i vari tipi di carta e sull’importanza di un riciclo consapevole.

Leggi anche: Riciclo creativo, come dare una seconda vita ai rifiuti

riciclare-carta-raccolta-differenziata

Raccolta differenziata: come gestire la carta

In ogni casa entrano molti oggetti di uso comune in carta, per questo il primo passo da fare è differenziare in modo consapevole e corretto. Ecco quali sono alcune cose importanti da sapere per effettuare la raccolta differenziata:

  • è possibile gettare nel secchio della carta i giornali, le riviste, i quaderni, le scatole di prodotti alimentari e gli imballaggi in cartone (scatole e imballaggi vanno piegati e schiacciati);
  • è possibile gettare nel secchio della carta anche i sacchetti per gli alimenti, per il pane o per la frutta, i sacchetti di carta con i manici, gli imballaggi in cartone ondulato di qualsiasi forma o misura e le fascette in cartoncino di prodotti come conserve, yogurt e bevande;
  • in molti Comuni italiani anche il Tetra Pak®, brik del latte e del succo di frutta privati delle parti in plastica, possono essere smaltiti nel secchio della carta;
  • non devono invece essere buttati nel secchio della carta gli scontrini, la carta con residui di colla, i contenitori unti e la carta autocopiante.

Leggi anche: Come riciclare correttamente la plastica

Perché è importante riciclare la carta?

Un dato che dimostra quanto sia importante riciclare la carta correttamente è questo: per produrre una tonnellata di carta da cellulosa vergine occorrono 15 alberi + 440.000 litri di acqua + 7.600 kwh di energia elettrica, mentre per produrre 1 tonnellata di carta riciclata invece bastano 0 alberi + 1.800 litri di acqua + 2.700 kwh di energia elettrica.

Con il riciclo della carta, si evita infatti di estrarre nuova cellulosa e in più, l’energia della lavorazione si riduce di circa due terzi e la quantità d’acqua richiesta nel processo di riciclaggio è pari a soli 1.800 litri. Riciclare la carta inoltre permette di dimezzare le emissioni di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera rispetto alle emissioni generate dalla produzione di carta a partire dalle fibre di legno. Il riciclo della carta comporta quindi minori costi per il suo smaltimento, minori costi per la sua produzione e la garanzia di una difesa ecologica delle risorse boschive. Un altro elemento importante del riciclo riguarda la produzione di nuovi materiali: recuperando la carta, si può avviare un processo di riciclo attraverso il quale si producono materiali come la cartalatte e la cartafrutta, molto utili nel settore industriale.

riciclare-carta-sacchetto

Come viene smaltita la carta?

In Italia, dei rifiuti di carta che vengono prodotti, la maggioranza viene riciclato, una parte viene bruciata per produrre energia e un’altra viene utilizzata per altri usi, come nei camini, o viene portata in discarica.

La modalità più comuni di smaltimento sono il riciclaggio oppure l’incenerimento insieme ad altri rifiuti, nel caso in cui non venga effettuata correttamente la raccolta differenziata dei materiali. Il riciclaggio è preferibile perché riduce la quantità di rifiuti da trattare, i relativi costi di stoccaggio, lo spreco di spazio da destinare allo stoccaggio medesimo, l’inquinamento da incenerimento, e ovviamente il consumo di alberi vivi: per questo motivo effettuare correttamente la raccolta differenziata della carta può portare ad importanti risultati in termini di risparmio e di sostenibilità per il pianeta.

Se vuoi approfondire il tema della raccolta differenziata, ti consigliamo di leggere la nostra guida!

Leggi anche: Come fare correttamente la raccolta differenziata

 

Share with your friends: