Pasqua è uno dei momenti più attesi dell’anno dai bambini perché sanno che riceveranno una sorpresa senza tempo: il famoso uovo di cioccolato con regalo. Durante questa occasione è quindi normale trovarsi ad affrontare una grande quantità di carta colorata che, se usata con un po’ di creatività, può trasformarsi in un’ulteriore opportunità di gioco per i bambini: ecco 5 idee per riciclare la carta dell’uovo di Pasqua, divertendosi insieme ai più piccoli e avendo a cuore l’ambiente.

Leggi anche: Riciclo creativo, come dare una seconda vita ai rifiuti

Riciclare la carta dell’uovo di Pasqua: 5 spunti creativi

Il riciclo creativo non solo è una buona prassi per l’ambiente, perché concede una seconda vita ai rifiuti, ma permette ai più piccoli di dare libero sfogo alla loro fantasia, creando dei piccoli capolavori. Ecco quali sono 5 spunti creativi che abbiamo selezionato per riciclare la carta dell’uovo di Pasqua correttamente, lasciati ispirare!

Addobbi per le feste

Durante le feste di compleanno dei bambini, un classico che non deve mancare sono i festoni da appendere alle pareti, ma spesso ci si riduce all’ultimo momento e non è più possibile comprarli. Per risparmiare e dedicarsi all’arte del riciclo, è possibile utilizzare le carte colorate e vivaci delle uova di Pasqua. Il procedimento è molto semplice: per realizzare degli striscioni a forma di caramella, si deve tagliare la carta dotandosi delle forbici a zig zag, creando dei rettangoli della misura di 20 cm x 10 cm. All’interno di ciascun rettangolo si inseriscono delle palline di carta di giornale e poi si arrotolano, fermando le due estremità con dei nastri colorati: gli addobbi sono pronti per essere utilizzati per la prossima festa!

riciclare carta uovo di Pasqua

Aquiloni colorati

Con l’incarto delle uova di Pasqua si può decidere di costruire uno splendido aquilone. Gli elementi che servono sono pochi e molto semplici da reperire in casa: la carta di un uovo di Pasqua, due bacchette o bastoncini di legno, dello spago, colla e un filo di nylon. Come prima cosa bisogna stendere correttamente la carta, incrociare le due bacchette per ottenere una croce e unirle con la colla e poi con lo spago. Alle estremità della croce si devono fare dei tagli per far passare dell’altro spago e poi si attacca la carta dell’uovo, aiutandosi nel caso con del nastro adesivo. Infine i quattro fili dovranno convogliare in un nodo centrale da cui partirà il filo di sostegno per l’aquilone e la creazione è terminata.

Carta regalo e addobbi di natale

Un altro modo di riciclare la carta dell’uovo di Pasqua è piuttosto semplice: basta utilizzarla per impacchettare i regali di Natale, ma non solo. Se ci sono dei vecchi addobbi da rinfrescare, conferendo un nuovo tocco di colore, basta servirsi della colla e della carta dell’uovo ben stesa, per creare coccarde o palline da utilizzare sull’albero di Natale.

Leggi anche: Come riciclare la carta, tutto quello che devi sapere

Portagioie

Utilizzando la carta dell’uovo e la base in plastica è possibile creare il perfetto porta gioielli per bambine. Il procedimento è molto semplice: bisogna prendere la forma di plastica e rivestirla con la carta colorata e poi con un po’ di cotone morbido o stoffa all’interno: infine si può personalizzare aggiungendo altri elementi creativi e poi riporre i gioielli che le bambine usano quotidianamente, come anelli e orecchini.

riciclare carta uovo di Pasqua

Tovaglia per tavolo bambini

Un altro consiglio semplice per riciclare la carta dell’uovo di Pasqua consiste nello stendere tutti i diversi fogli di carta, ben conservati, ed unirli con del nastro adesivo per trasformarli in una coloratissima tovaglia da usare per le feste dei bambini oppure per ricoprire il loro tavolo da disegno mentre sperimentano nuove opere con i colori.

Contenitori per pongo e pasta da modellare

Ultima chicca: oltre alla carta dell’uovo, abbiamo visto che un altro elemento che può essere riciclato sono le capsule delle uova. Puoi scegliere di utilizzarle e trasformarle in contenitori perfetti per la pasta da modellare fatta in casa o del pongo, evitando che si secchino!

Leggi anche: Come riciclare correttamente la plastica

Share with your friends: